Ciak si gira! benvenuti nell’isola di Procida..

Ciak si gira! benvenuti nell’isola di Procida..
Isola di procida

Isola di Procida, l’isola del Postino e del cinema..

“Seconda stella a destra questo è il cammino e poi dritto fino al mattino  poi la strada la trovi da te porta all’isola che non c’ è”.

Ogni volta che ascolto questa canzone mi viene in mente lei, l’isola che mi ha cresciuto fino alla maggiore età, dandomi quel bagaglio di valori, tradizioni, sensazioni che solo uno scoglio così meraviglioso può regalare.
Procida, che significa proprio “sdraiata sul mare” è una delle mete che proprio non riesco a non consigliare.

isola di procida

Sembrerebbe che io sia di parte ma credetemi turisti dal mondo sono rimasti estasiati da questi 4km quadrati circa che brulicano di essenza.

Lasciate i vostri pensieri al porto di Napoli o di Pozzuoli ed imbarcatevi per la vostra magia.
Non c’è estate procidana che non regali un amore, una passione, un risveglio dell’anima.

L’isola di Procida per grandi e piccini, per famiglie o per single, in questa piccola terra troverete molto più di quello che si possa immaginare.
Non pensavo di scrivere della mia terra prima di esserci tornata dopo un anno di assenza ma la meraviglia che mi ha accolto ancora una volta doveva essere condivisa.

isola di procida

Che abbiate due giorni o due settimane a disposizione per la vostra vacanza, sono sicura che quando sarete al porto di Marina Grande per imbarcarvi sul traghetto che vi porterà via dall’isolotto lascerete un pezzetto di cuore tra queste stradine.

Cosa aspettate allora?

Munitevi di scarpe comode ed inoltratevi nelle meraviglie più selvagge dell’isola di Procida.
Il sole, gli scorci sul mare così pittoreschi talvolta inesplorati e genuini renderanno le vostre passeggiate quasi afrodisiache. Noterete che le persone sull’isola hanno un ritmo di vita molto differente da quello cittadino.

Le loro abitudini sono metodiche ed eleganti, i loro volti distesi e sorridenti ed i loro corpi abbronzati quasi tutto l’anno sembrano essere un tutt’uno con la natura. Procida ,isola del cinema, resa celebre in questo campo dal

Isola di procida

meraviglioso Massimo Troisi con il suo film “Il Postino” è poi diventata riferimento per tanti altri film importanti, spot pubblicitari e che dire delle opere letterarie.

Molti poeti e scrittori ne hanno elogiato le lodi. Tra loro Elsa Morante con il suo romanzo “L’isola di Arturo” o Alphonse De Lamartine in “La Graziella” che risale già al lontano 1852 nel quale descriveva Graziella, fanciulla procidana che l’aveva incantato in uno dei suoi viaggi.
Graziella oggi è per l’isola di Procida un simbolo che ogni anno ad agosto si ripropone con la celebre “Sagra del mare” scegliendo in un concorso la ragazza procidana più simile alla donna che aveva stregato lo scrittore francese. Abiti antichi riemergono ogni anno custoditi con cura da una nicchia di persone, un rituale davvero affascinante dove ritrovare stoffe pregiate che odorano di magico.

isola di procida

Nel mese di Luglio ed Agosto troverete molte sagre e intrattenimenti sull’isola. Questo è il periodo che più consiglio per visitarla. In alcuni giorni, la sera, l’isola diventa totalmente pedonale permettendo ai turisti tranquille passeggiate e l’utilizzo di biciclette per grandi e bambini senza paura di incorrere nel traffico. Per i più comodi,come me, affascinati mezzi pubblici aiuteranno i vostri spostamenti sull’isola nelle strettissime stradine e sarà quasi un’avventura vedere destreggiare taxi, autobus, e motocarrozzelle a centimetri dai muri.

Carcere procida

Non perdete la visita al borgo di Terra Murata molto caratteristica per le vedute e la sua storia. Nel borgo troverete il bagno penale borbonico, già palazzo D’Avalos, ex carcere fino al 1988. Un posto molto particolare un connubio di sensazioni profonde e storia. Nelle vicinanze altri luoghi di grande interesse sono l’ Abbazia di San Michele Arcangelo a picco sul mare, antica e suggestiva e i suoi sotterranei così come il museo della casa di Graziella simbolo isolano di cui vi ho parlato. Iniziando la discesa dal borgo più antico dell’isola troviamo il borgo dei pescatori, la Corricella.

isola di procida

Se volete una cena romantica, rilassante che profumi di mare siete nel posto giusto e ricordatevi di assaggiare la tipica insalata di limoni.
Scoperta cinematografica di molti lavori la Corricella riesce a regalarmi sempre un’emozione sebbene la conosca da sempre….vi consiglio di andarci con il vostro partner e se potete lasciate i telefonini spenti e godetevi tutto quello che la semplicità della sua gente e la gioiosità delle sue case vi possono regalare.
Non troverete un posto simile da nessun’altra parte.
Proseguendo in zona da non perdere è la visita alla Congrega dei Turchini dove ammirare la statua del Cristo Morto portata ogni anno in processione nel giorno di Venerdì Santo. Se siete fortunati da poter essere sull’isola di Procida nel periodo pasquale la processione vi lascerà a bocca aperta sia che siate religiosi sia che non lo siate la processione del venerdì Santo qui è un evento estremamente emozionante. Nello scriverlo risuona in me il suono della tromba che ne fa da richiamo. Nelle luci dell’alba Procida ha un fascino speciale. Come per magia al suono di quella speciale

isola di procida

tromba folle rumorose diventano un letto di silenziosi cuori palpitanti e occhi cuoriosi.
Tradizioni inspiegabili a parole che vi invito a provare.
Togliendo le chiese che sono tantissime sull’isola e tutte molto belle per gli amanti dell’arte, Procida è un ottimo mix tra terra e mare. Numerose spiagge vi accoglieranno durante il giorno partendo da quelle più turistiche della Marina

Chiaiolella. Dal porticciolo turistico della Chiaiolella potrete noleggiare barche e gommoni per fare non solo il giro

isola di procida

dell’isola ma approfittarne per visitare le isole vicine Ischia e Capri con pochissimo tempo di navigazione. Io l’ho fatto ed è stato emozionante incontrare un gruppo enorme di delfini e tantissimi pesci volanti (chissà se si chiamano così?) ….da pelle d’oca!
Per i più atletici propongo il giro dell’isola di Procida in kayak!! trovate qui tutte le info per prenotare.
Sempre nella zona di Chiaiolella non può mancare una visita all’isolotto di Vivara, riserva naturale collegata a Procida da un ponte (nel 2001 Vivara entrò nel Guinness dei primati per il ponte tibetano più lungo al mondo).
In questa zona i ristoranti e le ottime pizzerie vi regaleranno serate divertenti e tipicamente isolane con una cucina davvero da non perdere.

Rilassante e la passeggiata nel porticciolo dove si trovano vicino ai grandi yacht, ancora ormeggiate imbarcazioni semplici di un’era che sembra oramai tramontata.

Nelle vicinanze della Chiaiolella troviamo Solchiaro ricca di rigogliose terre coltivate e scorci mozzafiato e che dire degli agrumeti…. se vi offrono del limoncello non disdegnate.

isola di procida

Quello fatto in casa qui è da non perdere. Ma da visitare sulle spiagge avete ancora molto. Un bagno alla famigerata spiaggia del Postino e per gli “sportivi” alla Chiaia e Chiaiozza dove troverete qualche scala da fare ma una volta arrivati giù ne sarà valsa la pena.

Questo e molto altro è Procida. Isola che sembra andare avanti nel mondo (grazie tanto al mestiere di marittimo prettamente procidano) restando però legata a dei valori che sembrano quasi spariti intorno a noi. Il rispetto, l’educazione verso gli altri, l’ospitalità e l’amore per la famiglia da alle nuove generazioni ottime possibilità di affrontare la vita e crescere in una società in cui si da troppa priorità al denaro e a se stessi. Per chiudere in dolcezza d’obbligo è una colazione con “lingua procidana” calda. Solo su questi 4km quadrati circa troverete questa delizia per il palato, ricetta creata dalla famiglia Mazziotti che ancora oggi non riesce ad essere riprodotta allo stesso modo da nessun altra parte del mondo.
Ormai il mio trolley e di nuovo pronto per lasciare lo scoglio ma come sempre anche stavolta porterò dentro qualcosa di nuovo che quest’isola ha saputo donarmi ancora.

Buone vacanze!

 

Foto Mariarosaria Costagliola

Follow:
Share:

3 Comments

  1. tony
    5 Dicembre 2017 / 8:08

    Sei fortissima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *